L’Isola del Sole

Grado

Quando si raggiunge Grado, in Friuli Venezia Giulia, l’atmosfera che si respira è davvero unica. Nota come l’Isola del Sole, con un clima particolarmente piacevole, è tutta da scoprire. Solo una sottile striscia di terra la unisce alla terraferma. Per entrarci, si attraversa una sorte di ponte in mezzo al mare. La sensazione è indescrivibile. Quando ci sono passata per la prima volta per raggiungere la bella e suggestiva Grado, stavo vivendo un periodo in cui ero particolarmente sottoposta a stress lavorativo. Ricordo che avevo solo voglia di fuggire, lasciandomi alle spalle tutti i problemi. Dai problemi – si sa – scappare non è possibile. Ovunque vai ti ritrovi a doverci fare i conti. Tuttavia, passando su quella strada che attraversa il mare, ho avuto la sensazione di lasciare fuori tutto ciò che mi preoccupava. Certo, i problemi non erano scomparsi ma era come se stessi entrando in una sorta di bolla di sapone: all’esterno di essa c’era il resto del mondo e all’interno invece c’era solo serenità. Una volta raggiunta la cittadella, la sensazione è quella di trovarsi una piccola Venezia: ponti fioriti, vicoletti, pittoresche casette. Si ha, insomma, la sensazione di essere in un mondo sospeso, quasi da sogno. Lascerò che tutti possano esplorare la città senza perdermi in lunghe descrizioni di cose da visitare. Una cosa però va detta: il mare è limpido e pulito, tanto che quando si entra in acqua ci si imbatte spesso nei piccoli granchi presenti. Particolarmente suggestivo è un percorso via mare che porta direttamente a uno degli splendidi isolotti. Come cantava Marco Masini anni fa, è proprio come se il mare guarisse le ferite.


Grado
Grado

Sara Riboldi